skip to Main Content
Come Realizzare Un Risotto Coi Fiocchi Utilizzando Una Padella Antiaderente

Preparare un buon risotto non è cosa da tutti. Pur non essendo una pietanza difficoltosa da realizzare non sempre riesce a puntino, poichè i modi di realizzazione e gli ingredienti sono variegati.

Non è importante solo l’esecuzione o gli ingredienti, ad esempio conta moltissimo la padella o il tegame per cucinare un risotto prelibato. Scegliere la padella o il tegame perfetto è davvero importantissimo, e a tale proposito, se non siete forniti della padella giusta, potete trovare qualche prodotto di ottima qualità anche online (ad esempio su artkitchen abbiamo avuto modo di trovare una grande scelta di pentole di vario genere ed a prezzi accessibili).

L’arte del risotto: una pietanza antica

cuocere risotto in padella antiaderentePer preparare un buon risotto è consigliabile usare un tegame o una padella larga con un solo manico per allargare bene il riso durante la cottura che deve essere uniforme, una padella larga inoltre favorisce la mantecatura finale. Sono assolutamente da evitare le pentole alte e strette di diametro, in pentole di questo tipo il riso resta crudo in superficie e rischia di “attaccare” nello strato sottostante. I materiali preferenziali sono tutti quei nuovi ritrovati antiaderenti, che garantiscono una cottura uniforme e nessun pericolo di bruciare la pietanza. Preferire l’uso di padelle antiaderenti favorisce la realizzazione di pietanze sempre ottime, cotte al punto giusto ma mai troppo croccanti o bruciate. Le padelle antiaderenti sono adatte alla cottura di ogni tipo di cibo, soprattutto la carne e appunto il riso.

I materiali di un tempo: ghisa e rame

Il risotto è un piatto che ha origini lontane, si trovano tracce di questa ricetta golosa, in vari libri custoditi in biblioteche storiche, che risalgono al 1300, il risotto diffuso in tutta Europa è conosciuto in diverse varianti, la più nota è quello allo zafferano con i funghi porcini, ma vi sono versioni con la salsiccia, la pancetta, le verdure, il più famoso è quello con la zucca; i formaggi e persino alcuni tipi di frutta come le pere. Nei secoli scorsi era uso utilizzare tegami di rame o di ghisa che conferivano al riso il giusto grado di cottura senza renderlo troppo appiccicoso. Oggi lo stesso eccellente risultato è dato dai tegami di ultima generazione.

La ricetta

Tra i tanti “risotti” della tradizione italiana vi proponiamo qui di seguito una delle varianti più delicate e prelibate di questa antica pietanza, da cucinare rigorosamente con una padella antiaderente, una ricetta a base di taleggio e pancetta perfetto per le giornate invernali; il risotto è sempre un piatto gradito da grandi e piccoli, e adatto a ogni occasione, sia pranzi semplici di famiglia che a feste e grandi eventi.

Ingredienti:

Tegame antiaderente

riso Carnaroli per 4 persone circa 400 gr

taleggio privato della crosta e tagliato a dadini 200 gr

pancetta normale a dadini 100 gr

una cipolla piccola bianca

brodo di manzo 500 ml

pepe nero a piacere

grana grattugiato 100 gr

burro 50 gr

sale quanto basta

vino rosso un bicchiere

Esecuzione:

Mettete in una grande padella antiaderente la cipolla tritata finemente la pancetta a dadini e metà del burro, fate scaldare e dorare la cipolla a fiamma viva, poi aggiungete il riso e fate tostare per cinque minuti, aggiustate di sale e sfumate con il vino, poi lasciate cuocere a fiamma dolce. Verso fine cottura aggiungete il taleggio e il formaggio grattugiato, mantecate e servite caldo con una spolverata di pepe nero. Portare in tavola con pane casereccio e un Merlot a temperatura ambiente. Come dessert è consigliato un Bonet con amaretti.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *